Appello per l’Italia

0
0

Riconversione industriale.

Produrre ricchezza con l’indipendenza energetica e riciclo rifiuti.

L’economia non si rilancia con la lotta all’evasione o con le liberalizzazione questa è giustizia sociale che però è incapace di farci uscire dalla recessione e depressione. Ciò che conta per la crescita è la produzione industrialedi prodotti che ci rendano indipendenti energeticamente da libici, russi e sauditi. Ogni soldo che va fuori Italia per l’acquisto di energia è a fondo perduto e limita la nostra sovranità e le ingerenze umanitarie (…ci tengono per le palle pronte a strizzarcele appena parliamo di diritti civili e sociali) invece l’incentivare l’industria della “economia verde” grazie ai soldi tolti ai finanziamenti pubblici dei partiti (e dei loro adepti) e a pensioni e stipendi d’oro, può solo portare centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro con ritorni  remunerativi per lo Stato sottoforma di creazione di nuove Partite Iva e dichiarazioni Irpef. Ogni edificio dovrebbe essere indipendente energeticamente grazie ai pannelli solari, fotovoltaici e  mini pale eoliche verticali. E inoltre produrrebbe energia  per la ricariche delle auto elettriche. Costruzione di depuratori di acque reflue che nel contempo producano energia (metano + concime organico) grazie ai digestori anaerobici. Cosi avremo acque marine pulite per rilanciare il turismo estero e prodotti biologici a basso costo grazie ai fertilizzanti naturali acquistati a basso costo dai depuratori.

Grazie per l’attenzione. Un italiano.