Bangladesh: sciopero della fame lavoratori del settore tessile!

0
0

Da oltre 20 anni, Bangladesh ospita un gran numero di fabbriche tessili che hanno delocalizzato dalla Francia. In Francia le fabbriche tessili che producono in Bangladesh effettuano le vendite in negozi di abbigliamento!

Più di tre milioni di lavoratori sono sfruttati in queste imprese, la maggior parte delle giovani donne.

Essi lavorano per pochi dollari al mese. Soffrono disastrose condizioni di lavoro. Controllo del datore di lavoro è esercitato in maniera disumana. E 'comune che i lavoratori sono bloccati dal loro posto di lavoro. Dal 2006, queste pratiche hanno causato la morte di 500 operai, bruciati vivi negli incendi nelle fabbriche.

Questo è quello che è successo a novembre 2012 presso lo stabilimento del gruppo industriale Tazreen Dhaka, dove sono stati uccisi 112 addetti.

Ma i veri proprietari di questi lavoratori, che sono i mandanti. I metodi utilizzati per Tazreen era conosciuto aziende che approfittano di questi lavoratori sfruttati: le catene di distribuzione Auchan, Carrefour, Casino, Sport GO, Pimkie, Ikea, CORA, ma l'Inter Sport C & A.

Gli abiti che indossiamo sono prodotti con pratiche dei datori di lavoro del genere!

Il 4 gennaio, centinaia di lavoratori impegnati in uno sciopero della fame al fine di garantire la convinzione del proprietario della fabbrica e il risarcimento per le famiglie delle vittime e dei feriti.

La commissione d'inchiesta parlamentare ha riconosciuto la responsabilità del proprietario del Tazreen. Ma quest'ultimo, protetto dal governo, è ancora a piede libero.

Organizzata nell'ambito della Federazione Nazionale dei Lavoratori tessili, questi lavoratori richiedono anche l'attuazione del diritto del lavoro, garantendo il diritto alla sicurezza, ma anche la libertà di associazione.

Invitiamo tutti i lavoratori ed i loro sindacati di inviare messaggi di protesta alle autorità del Bangladesh a guidare le rivendicazioni.

Se le legittime richieste degli scioperanti non sono stati ascoltati, il NGWF sono tenuti ad organizzare una mobilitazione di massa. I francesi le organizzazioni sindacali devono essere pronti a sostenere i loro compagni in Bangladesh e quindi fare pressione sui canali di distribuzione.

Per decenni, la borghesia cerca di dividere i lavoratori organizzando la delocalizzazione di molte industrie. Patriottismo economico e la concorrenza razza non è mai stata una strategia efficace per combattere questo datore di lavoro.

Invece, dobbiamo dimostrare ai datori di lavoro che il movimento sindacale è organizzata oltre i confini nazionali istituiti artificialmente da questi capi di dividerci.

Battiamoci per l'unificazione dei salari e delle condizioni di lavoro ai fini di coloro che producono la ricchezza: i lavoratori.

È possibile inviare movimenti di protesta all'ambasciata del Bangladesh:

Indirizzo: 109, avenue Henri Martin 75016 Paris

Fax: 01.46.51.90.35

E-mail: bangembpar@yahoo.com