Due giorni di sit-in per l’internalizzazione dei trasporti sanitari appalti ASL di Lecce

0
0

La scrivente O.S. Cobas Pubblico Impiego di Lecce ha effettuato due giorni di sit-in ad oltranza presso l’Asl di Lecce.
Durante il sit-in pomeridiano del 01 aprile 2021 si è avuto un incontro con il Direttore del Patrimonio dell’ASL di Lecce il Dottore Dimastrogiovanni che ha elencato per grosse linee la delibera dell’internalizzazione dei trasporti sanitari attualmente svolti da ditta esterna. Il Direttore del Patrimonio ha affermato che la bozza definitiva della delibera era pronta e che nello stesso pomeriggio avrebbe inviato la proposta alla Direzione Generale per la firma definitiva.
La manifestazione di protesta in via Miglietta nei pressi della Direzione Generale dei dipendenti degli appalti dell’Asl di Lecce in servizio presso le diverse sedi della Provincia di Lecce ha avuto un’ampia partecipazione del personale dipendente che ormai è stanco di questa situazione che si protrae da diversi mesi/anni.
La due giorni di manifestazioni è dovuta al fatto che tutti i sindacati erano stati convocati da Sanitàservice in una videoconferenza nella mattinata del 31 marzo per la discussione del piano di impresa e altri aspetti gestionali dell’internalizzazione ma stranamente all’incontro si è presentata solo la scrivente O.S. Cobas. Poi successivamente si sono comprese le reali motivazioni dell’assenza in videoconferenza poiché tutte le OO.SS. avevano comunicato con una nota indirizzata a Sanitàservice di andare al sit-in di protesta per gli O.S.S. della graduatoria di soliti titoli.
Questa assenza dei Sindacati motivata da altri impegni ha scatenato la rabbia dei dipendenti della Tundo che hanno aderito in blocco alla manifestazione di protesta Cobas.
Il sit-in di oggi è ad oltranza sino a che il Direttore Generale non firmerà la Delibera per l’internalizzazione dei trasporti sanitari attualmente in proroga tecnica perché la gara di appalto è scaduta nel lontano 8 settembre 2020.
Nelle nuove linee guida della Regione Puglia sono state accolte le richieste Cobas dell’internalizzazione dei servizi affidati in appalto quali trasporto oncologico, trasporto secondario, trasporto dializzati e altri servizi.
La Regione Puglia ha accolto la proposta specifica del sindacato Cobas di aggiungere nei servizi da internalizzare il servizio di trasporto per malati oncologici con la Delibera di Giunta Regionale n.951 del 19/06/2020, mentre il trasporto dializzati faceva già parte delle Linee Guida approvate in precedenza.
Negli ultimi mesi si sono effettuati diversi sit-in di protesta in ASL di Lecce e nei pressi della Prefettura di Lecce e scioperi e incontri con i vertici dell’ASL chiedendo di fare presto perché il personale in servizio è allo stremo per questa situazione sotto il profilo lavorativo.
Il sindacato Cobas ha sempre avuto la certezza che l’affidamento in huose comportava per la stazione appaltante (ASL di Lecce) delle economie di spesa per le casse regionali e certezza lavorativa per il personale impiegato in questi servizi, infatti dal business plan si evince che dal costo in appalto di circa 4,7 milioni di euro al netto di iva con l’internalizzazione il costo si aggira in 4,5 milioni di euro, si risparmiano oltre 250 mila euro con una forza lavoro pari a n.122 unità.
Il nuovo servizio presenta quindi economie di gestione ma anche efficienza ed elasticità nella gestione dei trasporti dell’Asl di Lecce.
Per questi motivi il sindacato Cobas ha ribadito come sempre ha fatto di fare presto perché il personale in servizio si trova ad operare in condizioni disagiate.

Lecce, 02 Aprile 2021

Confederazione Cobas Lecce
Cobas Pubblico Impiego
Dott.Giuseppe Pietro Mancarella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

− 5 = 5