IL GIUDICE DEL LAVORO HA SENTENZIATO, MIMMO MIGNANO VA REINTEGRATO ! MIGNANO-COBAS, BATTE PER 3 A 0 , MARCHIONNE-FIAT !

0
0

Una vittoria sudata a lungo : quella di Mimmo Mignano  già vittorioso contro 2 precedenti licenziamenti Fiat, dei compagni licenziati e cassintegrati, dei Cobas, strenui difensori dei diritti dei lavoratori , anche nelle situazioni più difficili, incerte e dolorose.

Una vittoria sofferta , CHE RIPAGA Mimmo e la sua famiglia degli stressanti sacrifici patiti, che hanno sopportato con dignità e coraggio.

Una vittoria di tutti i lavoratori , in particolare di quelli del Gruppo Fiat che continuano a resistere ai  diktat di Marchionne in condizioni disagiate; una vittoria anche per quanti hanno chinato la testa, che restano ammutoliti in attesa di tempi migliori, quelli per cui combattono Mimmo e i Cobas.

 Se fosse sportivo, Marchionne accetterebbe la sconfitta, reintegrando Mimmo alla Fiat-Pomigliano.

Ma siccome è borioso e recidivo, non rispetterà il verdetto agendo da fuorilegge !

Fino al punto, di erogare anzitempo a Mimmo un 3° Licenziamento Politico .

Ma nonostante l’ostentazione spavalda e altezzosa, il “ gigante” Marchionne E’  NUDO di fronte al “piccolo” Mignano, che di fatto è divenuto dopo tutte queste vicende il suo “ alter ego” !

Fino al punto che Mignano, davanti agli occhi del mondo, è riuscito a smascherare Marchionne stante il suo comportamento dispotico e le fallaci promesse da Pulcinella .

Il 3° Licenziamento Politico di Mimmo “ in previsione della reintegra” , è la testimonianza della fragilità del “gigante” Marchionne , che non può sopportare coloro che gli fanno ombra e/o mettono in discussione il suo operato dittatoriale.

 Marchionne non è in grado di comportarsi da uomo, si nasconde dietro il ruolo !

A fronte della fabbrica di suicidi Fiat di Nola, chiunque di buon senso si sarebbe mosso per comprenderne le cause, così da porvi rimedio e “fare pace con l’opinione pubblica, che l’accusa”.

Marchionne  NO !  Se ne frega dei drammi dei lavoratori causati da Fiat/FCA che dirige, tale da assumere l’oggettiva funzione di mandante di quelle povere anime,  che infine non sono riuscite a sopportare di essere il vilipese e rottamate, dandosi  morte per dignità !!

E quando , a partire dalla giornata del funerale di Maria,  Mimmo e altri cassintegrati Fiat mimano a Nola, davanti il luogo del delitto , la tragica sciagura, come atto di denuncia pubblica che va ad aggiungersi alle migliaia di “ morti del lavoro annui”, nell’indifferenza e nelle ripetute lacrime di coccodrillo delle istituzioni inadempienti, MARCHIONNE CHE FA ??   LICENZIA !!

LICENZIA MIMMO E  4 CASSINTEGRATI CHE HANNO TRIBUTATO CORDOGLIO  A MARIA E A TUTTI I SUICIDATI, INDICANDO LA STRADA MAESTRA DELLA LOTTA DA  PERCORRERE PER VEDERE RISPETTATI LA DIGNITA’ E IL VALORE DEI LAVORATORI

 Altro che “lesione dell’immagine della Fiat e del suo manager”, come recita in sintesi il licenziamento dei 5 lavoratori del Cobas Fiat Pomigliano.

Quelle immagini hanno colpito nel segno , dimostrando che nella classe operaia c’è ancora chi impronta la propria esistenza ai principi universali della solidarietà a fianco degli umili !

Già durante il ventennio fascista, poi nella Repubblica “nata dalla Resistenza”, la Fiat ha sempre perseguitato gli operai capaci di tenergli testa; a fronte di decine migliaia di licenziati, i giudici del lavoro hanno al 90%  condannato la Fiat per i suoi soprusi : CON  MIMMO E I 4 LICENZIATI, CON I CASSINTEGRATI COBAS  LA  FIAT HA TROVATO PANE PER I SUOI DENTI !!

 INTANTO  BRINDIAMO A  QUESTA  BELLA  VITTORIA  !!
RIVOGLIAMO MIMMO E I  4 , TUTTI I CASSINTEGRATI  IN  FABBRICA

 ROMA, 21 Luglio 2014    

COBAS LAVORO PRIVATO – CONFEDERAZIONE  COBAS  

COMITATO DI LOTTA CASSINTEGRATI E LICENZIATI  FIAT