Il Procuratore generale della Corte dei Conti, Dott. Salvatore Nottola, punta il dito contro le società miste degli enti locali.

0
0

Secondo il Pg Nottola, intervenuto alla cerimonia d'inaugurazione dell'anno giudiziario 2013 presso la Corte dei Conti, è “indispensabile e urgente” un testo legislativo organico sul sistema degli enti partecipati che riconosca esplicitamente la loro natura pubblica, assoggettandoli dunque alla giurisdizione della Corte dei Conti, e che definisca le risorse impiegate.

L'attuale sistema-partecipate, afferma infatti il procuratore generale, nonostante rappresenti un aspetto vitale della finanza pubblica, sfugge troppo spesso al controllo degli enti locali con un indebitamento che si attesta intorno ai 34 miliardi di euro.

Per non parlare, poi, dei riflessi negativi derivanti dalla stipulazione di contratti in strumenti finanziari derivati ed i fenomeni di malagestione nei settori storicamente a rischio (sanità, infrastrutture, appalti, ecc.).