Non siamo mafiosi, abbiamo bisogno di tornare a lavorare !!!

0
0

Questa frase ha caratterizzato le proteste di questi giorni dei lavoratori Gial Plast, sostenuti dal sindacato Cobas, licenziati senza nessuna colpa.
Un primo risultato è stato raggiunto !
Il Sindaco di Gallipoli nonché presidente della Provincia di Lecce ha subito accettato la nostra richiesta di incontro, che si svolgerà lunedì 17 Giugno alle ore 18 presso il comune di Gallipoli.
Le proteste di questi giorni hanno lo scopo di riaccendere i riflettori su di una storia ritenuta per molti chiusa, ma noi non ci stiamo.
I lavoratori licenziati hanno protestato ieri sotto la Prefettura/Provincia di Lecce ed oggi a Lecce allo stesso posto e davanti il Municipio di Gallipoli.
La richiesta del Sindacato Cobas è quella di attivare un tavolo presso la Provincia di Lecce dove convocare Gial Plast e gli enti preposti per chiedere il ritiro dei 30 licenziamenti operati dalla Gial Plast e Ecotecnica per la mancata assunzione di tre lavoratori ex Gial Plast in un passaggio di cantiere.
Chiediamo che venga adottato il modello “Brindisi “che con il sostegno di tutti ha evitato 14 licenziamenti della ditta Enotecnica.
Perché chiediamo il ritiro dei licenziamenti?
La Prefettura di Lecce emana una misura di interdittiva antimafia nei confronti di Gial Plast e fa solo un elenco di persone che in passato hanno avuto problemi con la giustizia.
La Prefettura di Lecce non dice alla azienda di licenziarli, fa solo un elenco di persone con precedenti.
Gial Plast licenzia illegittimamente i lavoratori in elenco crediamo per un suo tornaconto personale.
Un comportamento assurdo che con le leggi antimafia non c’entra assolutamente niente
I 30 sono lavoratori innocenti, che lavorano da tanti anni onestamente.
Se fosse il contrario prima di essere licenziati dovrebbero essere arrestati, perché hanno operato illegalmente attraverso pressioni mafiose.
Ma non è il nostro caso, i licenziati devono tornare a lavoro, BASTA!!!
Gallipoli, 13 Giugno 2019

Per il Cobas Roberto Aprile, Giuseppe Mancarella