O.S.S. Foggia: incontro in videoconferenza del 30 Marzo 2021

0
0

Il Sindacato Cobas ha partecipato nella giornata di oggi, 30 Marzo alle ore 16,00, all’incontro in videoconferenza organizzato dalla Regione Puglia per discutere sul destino degli oltre 800 OSS a tempo determinato che sono stati impiegati negli ospedali pugliesi soprattutto nel periodo Covid.
La Regione Puglia ha ribadito nel corso della riunione che anche i tempi determinati devono essere attinti dal concorso OSS di Foggia, come previsto dalla Costituzione e da altre leggi dello Stato, ma che non abbandona sicuramente chi rimane fuori e troverà soluzioni per loro.
Per i 129 precari OSS a cui non può essere rinnovato nessun contratto, nessun rinnovo, la ASL di Brindisi attraverso le parole del Direttore Generale, Giuseppe Pasqualone, proporrà la ricollocazione nella nuova azienda di pulizie attraverso la gara Consip che sarà avviata a giorni.
Il Direttore Generale, Giuseppe Pasqualone, ha anche affermato che nella nuova ditta di pulizie saranno assunti anche i precari attuali di Sanitàservice che tanto bene hanno fatto nel corso di questi anni.
Sono n.378 unità circa che non troveranno collocazione nella graduatoria del concorso del Riuniti di Foggia, in Asl Lecce sono circa n.140 unità, in Asl Brindisi sono circa n.129 unità e in Asl Bat sono circa n.109 unità, mentre le restanti 425 unità sono presenti nella graduatoria del concorso che aspetteranno il turno per lavorare.
Siamo inoltre fortemente soddisfatti che la proposta Cobas fatta nel corso dell’altra riunione che le Regioni meridionali possano attingere dal Concorso di Foggia è stata fatta propria dal Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.
Il Presidente Emiliano, ci è stato riferito all’interno della riunione di oggi, si relazionerà al Ministro della salute Speranza e ai Governatori delle Regioni Meridionali all’interno della Conferenza Stato-Regioni per costituire un tavolo dove gestire il tutto per i 14.00 vincitori ed idonei del concorso di Foggia, di cui migliaia e miglia provengono dalle regioni meridionali.
Se ciò avverrà saranno assorbiti tutti e 14.000 idonei e vincitori compresi tutti i precari OSS oggi rimasti fuori, che la maggior parte sono idonei.
Tutte le regioni meridionali sono affamate di occupare OSS negli ospedali, vista la grande esigenza che c’è.
Solo così riusciremo da una parte a migliorare la situazione negli ospedali al sud che non assumono da decenni a causa dei tagli del Governo e dall’altra assicurare una occupazione a chi ha partecipato al concorso e ai precari.
Dal mese di Aprile inizierà una nuova fase della lotta del sindacato Cobas chiedere l’ampliamento del fabbisogno di OSS in tutte le Asl pugliesi e di effettuare assunzioni a tempo indeterminato degli idonei della graduatoria del Riuniti di Foggia.

Brindisi, 30 Marzo 2021

Sindacato Cobas
Roberto Aprile
Giuseppe Pietro Mancarella


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

− 1 = 1