Studio inglese: le nuove classi sociali sono diventate sette. Addio al Quarto Stato di Pellizza da Volpedo

0
0

Un tempo c'erano la classe alta, la media e la classe lavoratrice. Nel XXI secolo cambia tutto: le classi sociali sono sette. Lo stabilisce uno studio britannico che delinea un nuovo modello sulla base di una società più articolata. Un tempo (e nemmeno troppo lontano) la posizione sociale veniva determinata dal tipo di impiego o professione.

Dal lavoro discendeva lo “status”. Oggi non è più così, a fare la differenza sono altri tipi di “capitale” secondo gli studiosi che, accanto a quello “economico”, prendono in esame il “capitale culturale” e quello “sociale”. E si fa largo con prepotenza la variabile scaturita dall'utilizzo di tecnologia e social network. Parte ormai rilevante nella vita quotidiana e nelle abitudini di ognuno, che diventa fondamentale poi nel caratterizzare quella che viene adesso definita la “classe media tecnica”.

Una delle novità che emergono dalla ricerca, insieme con il Precariato che da fenomeno socio-economico diventa categoria sociale codificata e si posiziona al di sotto della “classe operaia” tradizionale. Quest'ultima si assottiglia, mentre rimane solida e ed imperturbabile la fascia sociale somma: l'elite