Asl di Lecce: sit-in di protesta del 23 dicembre OSS vincitori e idonei del concorso di Foggia

0
1

La scrivente O.S. Cobas Pubblico Impiego di Lecce, ha comunicato alla Questura di Lecce che mercoledì 23/12/2020 dalle ore 11 alle ore 14 si terrà un sit-in di protesta in via Miglietta a Lecce nei pressi della Direzione Generale da parte degli OSS vincitori e idonei del concorso di Foggia.
Da organi di stampa si è venuti a conoscenza che vi sono numerosi contratti a tempo determinato di OSS nell’Asl di Lecce i quali sono stati assunti da graduatorie per soli titoli a tempo determinato.
Si chiede di conoscere il fabbisogno e quanti posti di OSS sono attualmente coperti con personale a tempo determinato per soli titoli.
Si chiede inoltre di conoscere le motivazioni per le quali non si stanno contrattualizzando a tempo determinato il personale già convocato dalla graduatoria di Foggia.
Altra anomalia e che i vincitori a tempo indeterminato del concorso O.S.S. di Foggia che sono stati assunti nell’ASL di Lecce considerato che vi era il posto libero in pianta organica hanno scelto la sede di lavoro in strutture sanitarie salentine ma sono stati costretti a prendere servizio al Dea/Fazzi.
Pertanto si chiede l’immediata redistribuzione del personale OSS nelle sedi scelte dai vincitori all’atto della sottoscrizione del contratto, visto che diverse strutture ospedaliere presentano carenza di personale.
La scrivente O.S. Cobas Pubblico Impiego di Lecce, ha chiesto la revoca in autotutela della proroga incarichi a tempo determinato atto n.0180203 del 16/12/2020 a firma del Direttore Generale e Direttore Sanitario Asl di Lecce in quanto palesemente in contrasto con la legislazione vigente nazionale e regionale.
Si diffida ASL di Lecce a dar corso a quanto disposto nella suddetta nota in quanto palesemente contraria all’articolo 36, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, in quanto il lavoro a tempo determinato è ammesso «per rispondere ad esigenze di carattere esclusivamente temporaneo o eccezionale».
Una proroga di 36 mesi non è temporanea e nemmeno eccezionale in quanto va oltre il periodo dell’emergenza sanitaria attuale.
Questa proroga lede palesemente il diritto soggettivo dei vincitori ed idonei OSS del concorso di Foggia che vengono espressamente esclusi giustificando la scelta “in attesa di chiarimenti da parte della regione Puglia”.
Tale proroga creando i presupposti per la stabilizzazione del personale interessato come previsto dalla legge cd. Madia è anche palesemente contraria all’art. 97 comma 4 della Costituzione che dispone: “Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso”, quindi per lavorare a tempo indeterminato nella pubblica amministrazione si deve superare un concorso pubblico a tempo indeterminato.
Si fa presente che tale atto amministrativo n.0180203 del 16/12/2020 è nullo poiché contrario al disposto dell’art.97 comma 4 della Costituzione.
Nel suddetto atto non vi sono i riferimenti normativi a sostegno di quanto disposto e sulla base dei quali è stato emanato.
Ad ogni buon fine si segnala che l’Asl BAT con nota prot.0077863 del 15/12/2020 ha rigettato la richiesta di proroga dei contratti a tempo determinato delle graduatorie per soli titoli con scadenza al 31/01/2021 argomentando il diniego affermando che la legislazione nazionale e regionale non permettono l’ulteriore proroga.

Lecce, 22 Dicembre 2020

Confederazione Cobas Lecce
Cobas Pubblico Impiego
Dott. Giuseppe Pietro Mancarella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 − = 5