Lecce: Piazza Tito Schipa – S. Maria del Tempio. Dallo scempio della demolizione al progetto di valorizzazione. Una nuova concezione della città. NO AL PARCHEGGIO SI AL GIARDINO! Sabato 12 Aprile h. 16,30-19,30

0
0

DOVE Valorizzare le antiche testimonianze la cripta s. lucia e la tettoia liberty come LUOGO di aggregazione sociale e DI MERCATO. mentre  il megaparcheggio-CENTRO COMMERCIALE distruggerà LA STORIA, danneggerà L’ECONOMIA, accentuera’ traffico e smog nel quartiere !

SABATO 12  APRILE h. 16,30-19,30 V. MARCONI – ANG. PZ. SCHIPA LECCE

PRESIDIO POPOLARE PER DIFENDERE  STORIA  CULTURA E  AMBIENTE DI LECCE

Interventi di cittadini ed esperti

CREATIVITA’ , musica e animazione

I cittadini leccesi sono invitati a partecipare da protagonisti

COMITATO TUTELA E VALORIZZAZIONE ECOARCHEOLOGICA

PZ.SCHIPA-S.MARIA DEL TEMPIO LECCE

Tel 392 8172087 0832 493673  

Piazza Tito Schipa – S. Maria del Tempio. Dallo scempio della demolizione al progetto di valorizzazione.

Nel febbraio 1971 il Convento rinascimentale di S. Maria del Tempio, con annessa chiesa,veniva abbattuto, per la folle scelta dell’amministrazione comunale,sorda anche ai richiami della Sovrintendenza.

Era stato  un centro culturale e sociale, oltre che religioso, eretto all’inizio del 500, su precedenti  strutture  tardo medievali. Ubicato nell’area da dove  probabilmente partiva l’antica strada messapico- romana tra  Lupiae e il suo primo porto  a sud di San Cataldo.

La demolizione del  convento era stata pianificata già dal 1954,con la prospettiva  della speculazione edilizia;  dagli anni 80 la fissa del parcheggio, adiacente all’ACI.

Diversi progetti si susseguono, pagati lautamente con le finanze pubbliche. Anni 90 i primi sondaggi archeologici ;nel 2006 parte il projet financing, per la realizzazione  di megaparcheggio e centro commerciale, dove inglobare la tettoia a semplice orpello decorativo; nel 2010  il contratto tra Comune e ditta vincitrice.

Gli scavi di bonifica dell’area riservano però inattese sorprese. Dal sottosuolo, quasi a rivincita  rispetto alla barbarica distruzione,  emerge uno spaccato unico della storia architettonica medievale e rinascimentale, con  reperti interessanti e locali ancora ben conservati. I lavori si fermano, in quanto un iniziale  ok della Direzione beni culturali è però accompagnato da prescrizioni  forti a tutela dell’area,inascoltate e oggi ribadite!

Come  si può rispettare le stesse e insieme distruggere il sito culturale per costruire 500 posti auto su tre piani interrati, ed altri sopraelevati?

Per gli esperti un megaparcheggio attrae il  traffico. Perché accentuare caos e inquinamento in un ’area a ridosso del centro storico che  ne andrebbe  liberata? Gli esercizi commerciali del quartiere saranno  felici della nuova concorrenza?

Lecce , candidata  a capitale europea della cultura, può immolare una importante testimonianza di essa ad un progetto  commerciale che accentua il degrado da smog, traffico  e spazi cementificati?

Il PROTAGONISMO DELLA CITTADINANZA  per:  sostenere un  progetto di TRASFORMAZIONE A GIARDINO DELL’AREA;   tutelare le ANTICHE TESTIMONIANZE;  far rivivere  la TETTOIA LIBERTY;  liberare dal degrado la CRIPTA S. LUCIA ;  riqualificare il QUARTIERE ; affermare una NUOVA CONCEZIONE  DELL CITTA’.

Comitato tutela ecoarcheologica

Pz. Schipa-s. maria del tempio  lecce

392 8172097   0832 493673