Prato: diossine sopra i limiti di legge nei polli allevati intorno all’inceneritore di Baciacavallo

0
0

L’inceneritore di Baciacavallo, che dal 1979 tratta circa 90 tonnellate/giorno di fanghi da depurazione industriale e civile, da molto tempo avrebbe dovuto sollevare un “allarme diossina”: tanti sono stati infatti i segnali che nel tempo si sono succeduti ma che purtroppo sono rimasti sempre inascoltati, sia da parte del Sindaco ( massima Autorità locale in campo sanitario) che da parte delle Istituzioni preposte.

NON sono bastate infatti le indagini epidemiologiche che, eseguite a più riprese dal 1998 al 2005, hanno sempre dimostrato una maggiore incidenza di malattie tumorali fra i cittadini residenti in prossimità dell’impianto, in particolare per cancro al polmone

NON è bastato neppure il riscontro nel 2007 di diossine oltre 11 volte il limite al momento in vigore (46,2 ng/kg di PCDD/F-PCB – WHO TEQ a fronte di un limite di 4 ng/Kg) in un pollo ruspante allevato a circa 700 metri dall’impianto. Ricordiamo che questo campione era stato individuato come riferimento (“bianco”) nel corso delle indagini su matrici biologiche effettuate dall’ASL di Pistoia a seguito del doppio superamento dei limiti per emissioni di diossine nell’ inceneritore di Montale e proprio questo campione risultò quello più fortemente contaminato fra gli oltre 40 campioni analizzati nel corso della suddetta indagine.

Non sono bastate le numerose diffide che la Provincia, su segnalazione degli organi di controllo (ARPAT), ha emesso negli anni nei confronti di Gida SPA; Gestore dell’impianto, che ha costantemente disatteso le prescrizioni contenute nell’Autorizzazione Integrata Ambientale. In particolare sono state disattese le prescrizioni relative allo SME (sistema di monitoraggio degli inquinanti in continuo); del tutto recentemente, il gestore ha poi chiesto ed ottenuto dalla Provincia stessa di non misurare il parametro dell’HCL (acido cloridrico).

L’HCL è un inquinante molto importante in particolare quando si ha a che fare con inceneritori di fanghi industriali, quale quello di Baciacavallo, in quanto è un precursore dell’esaclorobenzene (HCB), sostanza tossica, persistente che rientra fra i 12 POPs ( Persistent Organic Pollutant) identificati e messi al bando dalla Convenzione di Stoccolma già nel 2001 per le gravi conseguenze per la salute umana e per l’ambiente che la loro esposizione comporta.

In particolare, da un recente Rapporto dell’ ISPRA l’inceneritore di Baciacavallo risulta essere la più importante fonte emissiva di ESACLOROBENZENE (HCB) in Italia.

A fronte di questo assordante silenzio si è costituita una Associazione senza scopo di lucro VAS (VITA AMBIENTE SALUTE) che sulla base di esperienze fatte anche in altre località italiane interessate da insediamenti industriali o inceneritori (quali Taranto, Forlì, Ravenna …) e col supporto scientifico della Associazione o.n.l.us. di Medicina Democratica nazionale, ha raccolto i fondi per effettuare analisi su campioni di polli allevati nell’area di ricaduta dell’inceneritore di Baciacavallo in un raggio massimo di 2 km

I risultati delle analisi hanno purtroppo confermato tutte le nostre preoccupazioni:

Tutti e tre i campioni sono risultati positivi , ovvero sopra i limiti imposti dalle normative per la sicurezza alimentare e, se consideriamo anche il campione del 2007, possiamo affermare senza ombra di smentita che il 100% dei campioni esaminati è gravemente contaminato per presenza di diossine e FURANI ( PCDD/F ) e PCB diossino simili. In tutti i campioni si riscontra inoltre presenza di HCB, che nel campione 1 raggiunge valori oltre 4 volte quelli mediamente riscontrati in indagini analoghe

Questi dati sono assolutamente preoccupanti soprattutto se letti in un contesto di scelte strutturali che comporteranno un pesante aggravio di una situazione ambientale e sanitaria già gravemente compromessa e che faranno della Piana Firenze – Prato – Pistoia una vera e propria “camera a gas.”

 

INCENERITORE DI SELVAPIANA – INCENERITORE DI CASE PASSERINI – POTENZIAMENTO DELL'AEROPORTO DI PERETOLA – INCENERITORE DI BACIACAVALLO – POTENZIAMENTO DELL'INCENERITORE DI MONTALE: SONO TUTTE OPERE INUTILI, COSTOSE, ESTREMAMENTE DANNOSE PER NOI E PER LE GENERAZIONI A VENIRE

I CITTADINI DICONO BASTA!

 

Info:

MEDICINA DEMOCRATICA

MOVIMENTO DI LOTTA PER LA SALUTE

Sezione Pietro Mirabelli Firenze–Pistoia

Piazza Baldinucci 8 r Firenze

tel 055-486838

www.medicinademocratica.org

segreteria@medicinademocratica.org