Terremoto in Asl di Lecce: per qualche mela marcia non paghino tutti gli onesti.

0
0

La scrivente O.S. Cobas Pubblico Impiego di Lecce apprende da fonti di stampa il terremoto che sta avvenendo in Asl di Lecce, tra le varie vicende vi è anche il coinvolgimento del concorso dei n.159 Pulitori di Sanitàservice.
Il sindacato Cobas si schiera dal lato della legalità e confida nell’operato della magistratura leccese e chiede che vengano accertate le responsabilità e i responsabili di queste attività illecite qualora vi fossero.
Nel massimo rispetto della legalità e della magistratura si chiede che non vengano disattese le legittime aspettative di tutti i concorrenti che onestamente hanno preso parte al concorso dei n.159 posti per pulitore di Sanitàservice Lecce.
In queste ore si stanno ricevendo tantissime telefonate di concorrenti che sono in graduatoria e che vogliono lavorare perché hanno bisogno per se stessi e rispettive famiglie.
Pertanto si ribadisce il diritto sacrosanto di tutti coloro che hanno partecipato regolarmente al concorso e che non vengano disattese le loro legittime aspettative.
Si diffida da effettuare colpi di spugna e cancellare una graduatoria di un concorso pubblico a tutela di tutti i concorrenti che onestamente hanno preso parte nel pieno rispetto dell’art.97 della Costituzione comma 4 dispone che: “Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso”, quindi per lavorare a tempo indeterminato nella pubblica amministrazione si deve superare un concorso pubblico a tempo indeterminato, onestamente !

Lecce, 07 Luglio 2022

Confederazione Cobas Lecce
Cobas Pubblico Impiego
Dott.Giuseppe Pietro Mancarella