Coronavirus disastrose situazioni tra Brindisi e Francavilla Fontana

1
0

Il Sindacato Cobas continua a denunciare le disastrose situazioni venutasi a creare negli ospedali della Provincia di Brindisi, delle residenze sanitarie, nelle case di cura.
Questa volta è il caso dell’ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana dove siamo partiti dalla conoscenza del contagio di 2 sanitari, un ausiliario di Sanitàservice e un Oss della Asl.
Scavando abbiamo appreso che il contagio sembra aver colpito inoltre 1 infermiere in oncologia, 2 infermieri in chirurgia, qualche lavoratore della mensa.
Continuando a chiedere informazioni sullo stato di salute dei lavoratori raccogliamo il racconto di un ulteriore ausiliario di Sanitàservice contagiato che viveva con i genitori.
L’ausiliario di Sanitàservice ha avuto il padre morto di Coronavirus all’Ospedale di Brindisi, la madre morta tre/quattro giorni dopo il padre.
Abbiamo riscontrato a Francavilla una situazione forse peggiore a quella del Perrino.
Nell’ospedale di Francavilla numerosi dipendenti hanno lavorato per intere settimane senza aver ricevuto in dotazione gli opportuni Dpi, mantenendo la stessa mascherina per tantissimi giorni non avendone ricevute altre.
In questi giorni i dipendenti Asl dopo aver già effettuato Il tampone stanno realizzando gli esami del sangue, mentre per i lavoratori ausiliari e pulitori di Sanitàservice di Francavilla niente.
Il Sindacato Cobas rivendica la immediata necessità che il tampone e altre analisi vengano effettuate su tutti i dipendenti compresi quelli che operano negli ospedali con le ditte appaltatrici.
Il diritto alla salute deve comprendere tutti i lavoratori.
Gli interventi a valle servono a ben poco se il sistema a monte non viene cambiato permettendo ulteriori contagi, questo è quello stiamo ripetendo da settimane.
Bisogna cambiare l’organizzazione del lavoro e dotare dei Dpi giusti tutti i lavoratori presenti negli ospedali.
Gli ospedali si confermano sempre di più come il luogo del contagio.

Brindisi, 15 Aprile 2020

Per il Cobas Roberto Aprile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

43 − = 38