Esposti amianto – sentenza eternit : condannata a 16 anni la proprietà svizzero-belga, risarcite le vittime, i comuni, i sindacati, le associazioni.

0
0

La sentenza del Tribunale di Torino in data 13/2/2012 ribadisce quanto istruito dal pool coordinato dal giudice Guariniello , che ha portato prima al rinvio a giudizio del padroni svizzero-belga della Eternit e ora alla loro condanna a 16 anni per “ disastro ambientale doloso e omissione volontaria di cautele antinfortunistiche sui luoghi di lavoro”.

Una sentenza miliare , che farà da apripista in Italia,Ue e nel mondo, soprattutto dove ancora si lavora e commercializza l’amianto e si uccidono lavoratori e popolazione, ad esempio in Francia, in Inghilterra, Brasile, SudEstAsiatico,Africa.

Il Comune dei Casale Monferrato, sul cui territorio ha gravato lo stabilimento più grande e che ha avuto il maggior numero di vittime tra i suoi abitanti – in Italia 2200 morti e attuali 665 malati per patologie correlate all’amianto – ha ottenuto come iniziale risarcimento una provvisionale di 25 ML,oltre alla liquidazione dei danni in sede civile: il Comune di Cavagnolo ne ha ottenuti 4 ML; per i Comuni di Rubiera e Bagnoli  il reato “ è estinto per prescrizione”; a ciascun parente delle vittime, una provvisionale di 30.000 E e liquidazione danni in sede civile ; sono state liquidate provvisionali di 15 ML all’Inail e 70.000 a Medicina Democratica; 100.000 è il risarcimento dovuto a conclusione dei 3 gradi di giudizio alle associazioni ambientaliste e sindacali.

Questa memorabile sentenza è il parziale riconoscimento alle migliaia di vittime del “ lavoro sporco e profittale “ ;  il monito nei confronti di una logica padronale spietata che se ne frega della salute e della sicurezza di lavoratori e cittadinanza ; lo sprone nel dare battaglia sui posti di lavoro e nel denunciare le inadempienze che portano alle malattie professionali,alle invalidità e alla morte.

La Confederazione Cobas , impegnata nella  sfida per debellare  la quotidiana “ strage di innocenti”, plaude alla sentenza che rende giustizia alle vittime sacrificali dello sfruttamento capitalistico e ringrazia il dott. Guariniello per la dedizione che mette al servizio della collettività.

La Confederazione  Cobas si impegna a divulgare la sentenza nei luoghi di  lavoro e presso i Comuni , anche al fine di raccogliere le ulteriori denunce degli “ esposti amianto”,mettendo a disposizione i propri sportelli legali.

Roma 13.2.2012                             CONFEDERAZIONE  COBAS