I Cobas contro la discarica di Corcolle

0
0

Stamattina nelle vicinanze di Roma,  nella zona Tiburtina all'altezza di Villa Adriana,  in 1000 si è  protestato  contro il Piano Rifiuti Lazio, che prevede ben 3 discariche al posto di quella di Malagrotta, che continua di proroga in proroga ad essere utilizzata in barba alle ripetute condanne della Cominità Europea.

Uno dei siti previsto per le nuove discariche è  quello di Corcolle,  limitrofa agli epicentri di importanti beni culturali ” patrimonio dell'umanità” , quali Villa Adriana e Villa D'Este , ma tant'è ne la Polverini ne Alemanno hanno mai respirato cultura, piuttosto business, scaricabarili e nocività sulla cittadinanza.

A questa ulteriore mobilitazione organizzata dal Comitato Rifiuti Zero di Corcolle hanno preso parte i Comitati di Riano ( il 2° sito per nuova discarica) , di Fiumicino ( nel cui Comune ricade la 3° discarica), di ” zero Waste Lazio”, presenti gli stendardi dei Comuni di Tivoli,Zagarolo, Gallicano, S.Gregorio di Sassola e altri ancora, così come le associazioni ambientaliste e sindacali – Italia Nostra, NO Corridoio Roma-Latina, Cobas – gli studenti della zona .

Il concentramento è stato all'ingresso di Villa Adriana, bloccandolo e spiegando ai turisti il motivo della protesta, per poi proseguire con uno smisurato corteo , che dapprima a bloccato a lungo la viabilità sulla Tiburtina, per concludersi infine  all'ingresso di Villa  D'Este , sotto Tivoli.

La simbologia rappresentata nel corteo dalle 2 Ville e all'opposto della bellezza , la schifezza e la puzza rappresentata dalle discariche, non solo è un sentire comune a gran parte della cittadinanza ma è anche motivo e coscienza per procedere il più spediiamente nella ” raccolta differenziata porta a porta”  , così da eliminare sul nascere discariche e inceneritori.

Roma, 18 Febbraio 2012                         Confederazione  Cobas