Il Sindacato Cobas sicurezza sui luoghi di lavoro e il coronavirus.

0
0

Il Sindacato Cobas denuncia che le iniziative prese dal Governo Nazionale, dalle Regioni, dai Comuni, sull’emergenza Coronavirus non tutelano per niente il mondo del lavoro.
La Prefettura di Brindisi deve intervenire su questa drammatica situazione perché altrimenti riterremo vani i tentativi di arginare il Coronavirus.
Sono ormai settimane che chiediamo a decine di aziende interventi rivolte a munire di adeguate protezioni i lavoratori.
Non ultima la nostra richiesta di intervento allo Spesal, organismo Asl che si occupa di controllo degli ambienti di lavoro.
I lavoratori del mondo della sanità, dei rifiuti urbani, dell’assistenza domiciliare agli anziani, delle fabbriche, di tanti altri settori, lavorano faccia a faccia con il pubblico o con i colleghi.
Le aziende rispondono che hanno cercato di acquistare le mascherine ma non ne hanno trovato, oppure che non sono obbligate a dare loro le protezioni chieste.
L’invito a restare a casa e poi essere costretto ad andare a lavorare in queste condizioni a cosa serve?
L’unica risposta seria a questo tipo di situazione è ridare alla Sanità quello che è stato tagliato in tutti questi anni al settore.
Basti pensare che l’obiettivo del Governo è quello di rallentare il contagio altrimenti il sistema sanitario salta, fino a scegliere di salvare i malati più giovani e far morire gli anziani.
Poi si scatenano le guerre sante contro persone che malate gravi scelgono l’eutanasia.
Tutelare i lavoratori non è un optional ma un dovere delle aziende e dello Stato!!!

Brindisi, 10 Marzo 2020

Per il Cobas Roberto Aprile