Lettera aperta al Presidente Emiliano degli OSS a tempo determinato ASL di Lecce

0
0

Gentile Presidente Emiliano,
da quanto appreso negli ultimi giorni dai mass media e avendo preso visione di alcune note a firma di diversi dirigenti di Asl Lecce, comprendiamo che vi è la volontà di non rinnovare i nostri contratti a tempo determinato prorogati fino ad otto mesi e di prossima scadenza.
Siamo OSS idonei della graduatoria regionale dei “Riuniti di Foggia” che con non pochi sacrifici hanno raggiunto l’obiettivo sperato: superare il concorso.
Lei sicuramente saprà che prima di noi alcuni nostri colleghi hanno firmato un contratto per 36 mesi. Perché a noi è stato riservato un trattamento diverso? Solo 8 mesi !!!Tutti idonei inseriti nella stessa graduatoria. Perché questa discriminazione?
Siamo stati chiamati per contribuire ad affrontare l’emergenza epidemiologica, spesso ammalandosi di Covid e rischiando di portare il virus a casa dai nostri cari.
Noi OSS con medici ed infermieri siamo orgogliosi di essere stati parte attiva e determinante per garantire assistenza e cure degli ammalati. Abbiamo salvato numerose vite umane pur rischiando la nostra incolumità.
La sanità salentina è al collasso: tutti i presidi ospedalieri sono carenti di personale: medici, infermieri ed OSS in servizio non sono assolutamente sufficienti a garantire i livelli essenziali di assistenza.
I fondi statali ed europei utili per far fronte alle stabilizzazioni di noi idonei sono già disponibili. Perché non prorogare i nostri contratti tenendo anche conto che nella graduatoria regionale OSS siamo in posizione utile e vicine ad una prossima chiamata?
Perché come promesso e sollecitato anche da diverse sigle sindacali la Regione Puglia non ha ancora perfezionato gli accordi con le regioni limitrofe ove poter trasferire le migliaia di idonei presenti nella graduatoria dei Riuniti di Foggia?
Qual è la logica che spinge Asl Lecce a non prorogare i nostri contratti e ad assumere a tempo determinato altri idonei posizionati ben oltre, rispetto a noi?
Ci è sempre stato raccontato che i 14000 idonei non sarebbero stati sufficienti a far fronte al fabbisogno di tutte le Asl pugliesi.
Da quanto appreso si sono avviate le procedure di richiesta documenti ad OSS idonei fino a circa la posizione 2900. Noi siamo posizionati tra i 3000 ed i 4000. Abbiamo qualche speranza anche noi di non essere stabilizzati?
Dopo decenni in Puglia si è tenuto un mega concorso con vincitori ed idonei ed ora si vorrebbe portare a Giugno 2022 la validità della graduatoria. Perché? Auspichiamo che prima di quella data noi tutti saremo già stati stabilizzati e con in mano un contratto a tempo indeterminato.
La nostra battaglia continuerà per far valere i nostri diritti. Dietro ciascuno di noi c’è una famiglia: abbiamo il desiderio vivo e forte di assicurare un futuro degno ai nostri figli. Speriamo di aver toccato la sua sensibilità di uomo, di merito, di genitore, di politico. Vorremmo tanto incontrarla personalmente per affrontare la problematica.
Siamo disponibili e speranzosi di parlare con lei. Attendiamo un suo cenno di riscontro e la salutiamo cordialmente.

Lecce, 25 Ottobre 2021

Gli Operatori Socio Sanitari della gradutoria del concorso di Foggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

21 − = 19