protesta ad oltranza vincitori e idonei concorso pubblico Sanitàservice Lecce

0
0

La scrivente O.S. Cobas Pubblico Impiego segnala che è in corso un sit-in di protesta ad oltranza presso la Direzione Generale dell’ASL di Lecce dal 23/06/2022 per le assunzioni di Sanitàservice dei n.159 vincitori e per lo scorrimento per gli idonei della graduatoria del concorso pubblico per titoli ed esami.
L’art. 97 della Costituzione comma 4 dispone che: “Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso”, quindi per lavorare a tempo indeterminato nella pubblica amministrazione si deve superare un concorso pubblico a tempo indeterminato.
La Giurisprudenza della Corte di Cassazione con Ordinanza 07 febbraio 2022, n. 3768, in tema di società cd. “in house”, ha disposto che il reclutamento del personale, a seguito dell’entrata in vigore del d.l. n. 112 del 2008, conv. con modif. in L. n. 133 del 2008, nel testo risultante dalle modifiche apportate dalla l. n. 102 del 2009 di conversione del d.l. n. 78 del 2009, avviene secondo i criteri stabiliti dall’art. 35 del d.lgs. n. 165 del 2001, che impongono l’esperimento di procedure concorsuali o selettive, sicché la violazione di tali disposizioni, aventi carattere imperativo, come ha già osservato dalla Corte di Cassazione civile sez. lav., 29/08/2018, (ud. 30/05/2018, dep. 29/08/2018), n.21378 impedisce la conversione dei rapporti di lavoro a tempo determinato in rapporti a tempo indeterminato.
Questa sentenza della Corte di Cassazione insieme ad altre ribadisce il principio che per lavorare in una pubblica amministrazione bisogna effettuare un concorso pubblico dove tutti i cittadini possono accedere e non solo una ristretta cerchia di lavoratori come avviene per una manifestazione di interesse oppure un avviso pubblico.
La manifestazione di interesse e l’avviso pubblico nella pubblica amministrazione quasi sempre vengono attivate solo nelle more delle procedure concorsuali. Quindi ancora una volta si nota che la centralità dell’ordinamento giuridico è rappresentato dal concorso pubblico accessibile a tutti i cittadini.
Lo scorrimento della graduatoria presuppone, inoltre, che vi sia identità di posti tra quello oggetto della procedura che ha dato luogo alla graduatoria e la nuova esigenza assunzionale: il TAR Veneto con la sentenza n. 864/2011 ha ribadito che con riferimento al profilo e alla categoria professionale del posto che si intende coprire è necessario che essi siano corrispondenti a quelli per i quali è stato bandito il concorso la cui graduatoria si intende utilizzare.
Questo è il principio espresso, da ultimo, dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 7054 del 21 marzo 2018. La suprema Corte afferma che la decisione di avvalersi dello scorrimento della graduatoria è equiparabile all’espletamento di tutte le fasi di una procedura concorsuale, con identificazione degli ulteriori vincitori e che lo scorrimento deve essere disposto salvaguardando i principi sanciti dall’art. 35 del D.lgs. n. 165/2001.
Tutti i suddetti interventi normativi e giurisprudenziali hanno esteso la possibilità di utilizzo delle graduatorie concorsuali, mediante il loro scorrimento, per l’assunzione dei candidati idonei non vincitori. Da tali disposizioni emerge come venga visto con favore l’utilizzo delle graduatorie per ulteriori assunzioni a tempo indeterminato ma anche quelle a tempo determinato.
I Cobas continueranno a portare avanti questa battaglia, affinché le assunzioni del personale vengano effettuate come previsto dalla legge solo ed esclusivamente dalla graduatoria concorsuale di Sanitàservice che vede n.159 vincitori e per lo scorrimento celere della stessa per gli idonei.
La meritocrazia deve vincere!

Lecce, 28 Luglio 2022

Confederazione Cobas Lecce
Cobas Pubblico Impiego
Dott.Giuseppe Pietro Mancarella


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

+ 75 = 79