Violato l’art.4 della legge 300/70 “Statuto dei Lavoratori” afferma la Rappresentanza Sindacale Unitaria (R.S.U.) ATAF Firenze

0
0

Martedì 10 gennaio, durante l’incontro avuto con l’azienda, le prime parole dell’anno del Presidente Bonaccorsi sono state le seguenti: prometto che quest’anno riuscirò ad essere più buono e meno polemico nei confronti dei lavoratori… e alla faccia di queste parole, in perfetto stile voltagabbana, ecco che stanno fioccando segnalazioni intimidatorie nei confronti di quei lavoratori che accumulano ritardo il linea!!!!

Noi riteniamo vergognoso questo atteggiamento, sia per la motivazione, sia per come vengono recapitate: con un A.d.E. che gira con un alfa a rincorrere i rei di così grave disservizio all’azienda!!!

Gli eventuali ritardi alla regolarità del servizio che si sono verificati o che avverranno, non sono altro che la dimostrazione di quello che accadrebbe tutti i giorni se i cosiddetti autisti lavativi, in una città congestionata dal traffico come Firenze, smettessero di rischiare la propria patente, per poter mandare avanti il servizio e garantire una mobilità decente ai cittadini. 

Invitiamo tutti i lavoratori che hanno ricevuto la contestazione disciplinare di rivolgersi ai delegati R.s.u. per predisporre la risposta , in quanto, sentito il parere legale, tale contestazione viola palesemente l’art.4 dello Statuto dei Lavoratori che recita

«E vietato l'uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori»

 Altro che squadristi !!!

NOI NON CI FERMIAMO LA MOBILITAZIONE CONTINUA

ATAF NON SI VENDE. ATAF DEVE RIMANERE PUBBLICA.

Firenze, 11 gennaio 2012                             

 RSU ATAF Firenze