No Monti Day: in 150mila a Roma contro il governo.

0
0

«NO MONTI DAY» –«Con l'Europa che si ribella. Cacciamo il Governo Monti». Questo è stato lo striscione d'apertura del corteo «no Monty day» partito da piazza della Repubblica. Alla testa una delegazione del comitato 16 novembre Onlus, Associazione nazionale per la difesa dei diritti dei disabili gravi, hanno contestato i tagli all'assistenza domiciliare dei malati. In prima fila, dietro lo striscione, i promotori della manifestazione, Piero Bernocchi, portavoce dei Cobas; Emidia Papi, dell'Usb; Giorgio Cremaschi del Comitato No Debito; Marco Ferrando del Partito comunista dei lavoratori; nonché l'ex presidente della Camera, Fausto Bertinotti. Subito dopo un gruppo di Vigili del Fuoco e una delegazione dei lavoratori di Taranto.

I CORTEI – Da piazzale Aldo Moro, di fronte all'entrata dell'università La Sapienza un corteo di studenti si è mosso alle 13 per raggiungere gli altri manifestanti del «No Monti day» in piazza della Repubblica. Da qui sono partiti alle 14,30 verso Castro Pretorio. per finire il corteo in piazza San Giovanni.

«NO MONTI DAY» – Migliaia di persone, tra studenti, lavoratori, comitati e associazioni – circa 150mila secondo gli organizzatori, non più di 20mila secondo altre fonti – sono scesi in strada sabato pomeriggio con due cortei nel centro di Roma «contro il governo Monti e la sua politica di massacro sociale». Sulla manifestazione sono rimasti puntati gli occhi delle forze dell'ordine, preoccupate per la possibile infiltrazione di frange violente. Gli organizzatori avevano annunciato «300 pullman da tutta Italia» e avevano aggiunto: «A noi non risultano infiltrati, al massimo gli infiltrati sono in Parlamento». Alla manifestazione erano presenti 300 persone del servizio di autotutela. Non si sono registrati incidenti ma alcune vetrine di via Merulana, sono state imbrattate con vernice, uova e lancio di lattine.

LE ADESIONI – Le adesioni al «No Monti Day» sono state decine. Tra i movimenti che costituiscono il Comitato per la manifestazione, ci sono stati il Movimento No Tav della Valsusa, il Comitato No Debito, esponenti dei centri sociali di tutta Italia, gli studenti, ambientalisti, i sindacati di base, i delegati del Carbosulcis, Fincantieri, Fiat di Pomigliano, di Mirafiori, di Melfi, della Val di Sangro, i rappresentanti dei movimenti dei precari della scuola e tante sigle dell'estrema sinistra.

Il corteo «no Monti day» di sabato pomeriggio a Roma, si è svolto senza incidenti.

 

Al sottostante link trovate le foto della manifestazione odierna di Roma del NO MONTI DAY

http://www.cobas.it/Multimedia/Foto/La-manifestazione-NO-MONTI-DAY-di-Roma-del-27-ottobre-2012